Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo, state attenti alla Juve

Le ultime sull’interesse della Juve sul talento giallorosso

Non c’è ancora una trattativa reale e in fondo sarebbe stranissimo il contrario a marzo, però questo è il tempo della semina e la Juventus non s’annoia di certo. Tiene aperti più tavoli sul mercato, per forza di cose, ma alcuni orientamenti sono già chiarissimi ed è il caso di insistere volentieri sull’argomento. Quale? Nicolò Zaniolo innanzitutto.

Zaniolo sarebbe la risposta forte, fortissima, all’addio di Paulo Dybala. Il condizionale è d’obbligo, viste le giravolte sempre possibili nel mercato, ma le intenzioni dei protagonisti sono cristalline. La Juventus parte da un assunto di base: nell’ottima di un prevedibile sbocco verso il 4-3-3 la collocazione della Joya sarebbe stato un grosso problema. Quella del talento classe ’99 non lo è: qui si tratta di un calciatore multitasking (trequartista, interno, esterno d’attacco, seconda punta), giunto ad un punto di svolta nella sua carriera.

Anche se in Spagna il suo nome gira che è un piacere, con l’Atletico Madrid interessato mentre in Inghilterra non solo il Manchester United ha sondato il terreno, risulta che l’attaccante sia intenzionato a rimanere in Italia. Il ragazzo ha un contratto con la Roma fino al 2024 e fino a prova contraria resta un punto di forza dei giallorossi in questa stagione, ma le sirene del mercato impazziscono. E siccome nei dintorni di Trigoria non corre voce che sia in previsione l’apertura di un tavolo per l’eventuale rinnovo del calciatore, va da sé che la cessione estiva stia nell’ordine naturale delle cose. Lo scrive “Tuttosport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa