Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mourinho vuole un centrocampo nuovo per la Roma: Hojbjerg è il sogno

Pronta la rivoluzione a centrocampo

Una cosa è pressoché certa, in estate per il centrocampo della Roma ci sarà una mezza rivoluzione, se non totale. Perché saranno tanti quelli che andranno via e perché arriveranno almeno un paio di pedina nuove.

Del resto, Mourinho ha sempre considerato fondamentale l’asse centrale, che in un calcio come il suo – fatto di transizioni – deve per forza di cose avere gente capace di interdire e ripartire. Insomma, lì c’è il cuore delle squadre di Mou e l’allenatore portoghese per la sua seconda stagione in giallorosso vuole un assetto completamente diverso.

Sono tanti i giocatori che la Roma e Tiago Pinto stanno monitorando in giro per l’Europa. La caccia parte ovviamente dal famoso regista, la pedina che manca dalla scorsa estate. Mou anche di recente ha ribadito come ne senta la mancanza (“Ci sta giocando Mkhitaryan, l’unico che può farlo davvero“), anche perché l’ultimo arrivato – Sergio Oliveira – è un giocatore diverso, “non è né Pjanic né Pirlo“, ha detto Mou nei suoi primi giorni romani.

È chiaro che una delle piste porta ancora a Xhaka, il metronomo albanese dell’Arsenal, che dopo essere stato inseguito a lungo la scorsa estate ha allungato il contratto con i Gunners, senza però avere vita facile.

Ma a Londra piace anche un altro giocatore, il danese Hojbjerg, che Mou ha avuto alle sue dipendenze al Tottenham. Il danese ha una predilezione particolare per Mou (“È l’allenatore con cui mi sono trovato meglio“, ha detto subito dopo il suo addio agli Spurs). Mou lo rivorrebbe volentieri con sé, ma Hojbjerg ha anche un costo elevato, quasi 40 milioni di euro. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa