Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stavolta si fa sul serio: Mourinho cerca la rivincita

Lo Special One a caccia di rivincite

Ormai è lontano il ricordo-incubo di Bodo-Roma, in ottobre. Era la fase a gironi, forse si stava scherzando, con quella formazione rivoluzionata e inadeguata. Stavolta, niente scherzi, si fa sul serio: clima rigido, campo sintetico, come all’epoca. Presupposti totalmente diversi.

Non ci sono esperimenti da fare, né messaggi da lanciare: in campo vanno i migliori, anche se c’è chi si porta appresso qualche acciacco di troppo (vedi Smalling). Siamo ai quarti di finale e la Roma, questa Conference League, la vuole. Alzare un trofeo ha sempre senso, specie per una piazza come questa che non vince da un’eternità. E ora che sulla panchina dei giallorossi, c’è un allenatore che di vittorie ne sa, sperare è lecito. Specie ora, che si giocano i quarti di finale.

Immagina, Mourinho, quanta soddisfazione regalerà/regalerebbe ai tifosi della Roma, che sono a secco da anni. José deve rinunciare a Zaniolo e Veretout, mentre il suo collega, Kjetil Knutsen, rischia di fare a meno dell’uomo migliore del Bodo, il febbricitante Ola Solbakken (una doppietta nella sfida di ottobre, ieri non si è allenato), che piace a Tiago Pinto, tanto da inserirlo tra gli obiettivi per la prossima estate.

“Sono felice di tornare a Bodo, l’unico mio problema è il campo sintetico, il calcio si deve giocare sul naturale, altrimenti è un altro sport. Dobbiamo raggiungere le semifinali e speriamo di fare meglio della prima volta, non ci sono scuse legate al clima. Sarà diverso stavolta. Abbiamo un squadra diversa come giocatori ma anche come fiducia e motivazione. Siamo rimasti noi e Atalanta, vediamo di fare qualcosa di positivo in Europa“, le parole di Mourinho dalla Norvegia.

Il tecnico non vuole sottovalutare il Bodo, stavolta. “Ha cambiato giocatori, ma non visione di gioco. È in una buona condizione fisica ed è bravo quanto prima. Contro di loro non ci hanno dato due rigori, ma giocarono bene. Globalmente penso che il Bodo abbia buoni giocatori. Alcuni sono anche bravi a parlare, noi siamo qui per loro…”.

Ce l’ha con chi ha definito positivo il sorteggio contro la Roma e con il tecnico avversario, che ha parlato di lui in questi termini: “È buffo: a volte il quarto uomo sta lì ad assicurarsi che io non lasci mai la mia area tecnica mentre sulla panchina della Roma cinque o sei uomini corrono dietro al guardalinee“. È tornato il rumore dei nemici. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa