Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo: “La partita perfetta. Io sono sempre pronto. Resto qui? Non lo so”

“La semifinale è un traguardo importante, la dedico alla mia famiglia, la tripletta è per loro”

La Gazzetta dello Sport – Neanche a volersela immaginare bellissima Nicolò Zaniolo sarebbe mai arrivato a sognare una serata come quella di ieri. Bella, intensa, emozionante. È stata la sua notte, tra magia e rivincite: “Abbiamo fatto la partita che ci ha chiesto il mister, perfetti sia nella fase offensiva che in quella difensiva. Ci godiamo questa vittoria e voliamo in semifinale. Un traguardo importante, ma non vogliamo fermarci qua”. Un velo di malinconia quando ha risposto alla domanda sul futuro, se sarà ancora a Roma: “Questo non lo so”.

Ora però Nicolò non vuole fermarsi: “Non nascondo che il derby lo avrei voluto giocare. Ma rispetto le scelte del mister, che in quell’occasione sono state anche giuste. Io sono pronto a dare sempre il mio apporto e sono contentissimo per questa vittoria. La semifinale è un traguardo importante, la dedico alla mia famiglia, la tripletta è per loro. Una gioia arrivata davanti a questi splendidi tifosi”.

Quei tifosi che non lo hanno mai abbandonato: “Gli voglio bene, mi sono sempre stati vicini, anche più nei momenti brutti che in quelli belli. Io ho sempre pensato solo a mantenere l’equilibrio, sia quando le cose andavano bene sia male. Questa è una giornata perfetta, ma devo restare equilibrato”. Sul finale di stagione aggiunge: “Mancano poche partite, le giocheremo tutte come delle finali, poi vedremo cosa sarà successo, senza tirarci indietro”.

Mourinho si gode la serata di Zaniolo, dopo averlo rilanciato a sorpresa proprio nella notte in cui tutti si aspettavano un’altra panchina: “Ma Nicolò è uno che vende, si parla troppo di lui. Perché gioca, perché non gioca, perché è infortunato o sta in panchina. Sarebbe meglio per lui, per noi e per il calcio italiano che fosse lasciato tranquillo. Ha fatto una gara perfetta, sapevo che in una partita del genere uno come lui che sa attaccare gli spazi avrebbe fatto bene. Almeno domani sarà in prima pagina per delle cose positive…”.

Il tecnico poi ha commentato la gara, andata esattamente come aveva immaginato lui: “Mi è piaciuto tutto: il gioco, il palleggio, il pressing alto, l’uscita dal basso. Ero fiducioso anche dopo il 2-1 di Bodo, ho sempre avuto la sensazione che fossimo superiori. Ed è inaccettabile che ci abbiamo messo 4 gare per battere il Bodo. Di certo giochiamo meglio di come pensano in tanti. E restiamo gli unici a tenere alta la bandiera dell’Italia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa