Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il baluardo Smalling alla prova Osimhen

Il difensore inglese sfiderà l’ostico attaccante nigeriano di Spalletti

C’è una Roma con Smalling, sicura e stabile, ce n’è un’altra senza, tremebonda e fragile. Adesso che Mourinho l’ha recuperato dai tanti guai fisici nessuna partita sembra impossibile, nessun attacco sembra incontenibile. Alla vigilia dei tre tapponi da giocare in trasferta la sua sagoma di granito è la migliore garanzia per resistere. Nelle ultime 10 giornate solo 8 gol subiti, che diventano 2 nelle ultime 6. Di ogni squadra di calcio il d ifnesore centrale dominante è la parte della colonna vertebrale insieme al portiere, al regista e al centravanti. Il suo rendimento è quasi sempre di ottimo livello.

Nel lunedì di Pasquetta ci sarà il crash test con Osimhen che è l’attaccante che ha segnato di più nel 2022 alle spalle di Abraham. Il match d’andata finì 0-0 grazie ad una buona prova difensiva della Roma e Smalling non c’era. A integrare i meriti dell’inglese c’è il fatto che in tutto il campionato ha commesso pochissimi falli e non è stato mai ammonito. Il caso opposto riguarda il compagni di reparto Mancini che ha ricevuto 123 cartellini gialli. Inoltre nell’ultima settimana contro la Salernitana è stato decisivo segnando il gol del 2-1 finale. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa