Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Connolly: “Vardy non giocherà dall’inizio giovedì. Credo che la Roma passerà il turno…”

Le parole dell’ex Leicester sul match di Conference League contro la Roma e sul momento delle Foxes

Intervenuto sulle frequenze di Teleradiostereo, David Connolly, ex attaccante del Leicester e della nazionale irlandese, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul match di giovedì sera. Di seguito le sue parole.

David, come valuta la stagione del Leicester?
“Il Leicester non ha fatto una buona stagione, o almeno non come le precedenti quando ha lottato per la Champions League ma non si è qualificata. Ha avuto molti infortuni, da Evans, Fofana, Vardy, Tielemans, Barnes. È stata una stagione da dimenticare per loro, in ogni caso, ora sono in semifinale di Conference ed è un buon risultato considerando gli infortuni”.

Crede che le Foxes abbiano pagato la prolungata assenza di Vardy?
“Il Leicester ha perso Vardy all’improvviso in questa stagione, anche se ha segnato comunque 10 gol in appena 1400 minuti. Meglio di lui hanno fatto meglio soltanto Salah, Mahrez e Jota. Ha dovuto saltare molte partite. Non ha giocato nessuna gara di Conference e credo possa essere un rischio farlo giocare dall’inizio nella gara d’andata contro la Roma. Ha giocato 20 minuti sabato ma non certo sia abbastanza, si è fatto male contro il Liverpool, tornando a disposizione e rifermandosi. Credo che per la sua età e la sua condizione fisica sia troppo chiedergli di giocare in maniera brillante contro la Roma. Non credo che giocherà. In sua assenza abbiamo visto che Iheanacho e Daka non hanno fornito lo stesso apporto in termini di gol, il Leicester ha perso una vera punta centrale. Ad alcuni piace Abraham della Roma, ma ciò che serve è qualcuno che sfrutti il talento di Barnes e Maddison. Quest’ultimo sta facendo una stagione magnifica, ha anche segnato contro il PSV. È un numero 10 creativo e di talento. Può segnare da calcio di punizione, può creare magie. Credo che il Leicester contro la Roma abbia bisogno di Maddison al massimo della sua condizione”.

Connolly, sta seguendo il lavoro di Mourinho? Abraham sta segnando tanto in Italia: è una sorpresa?
“Ovviamente Mourinho è molto famoso in Inghilterra. Sta facendo un grande lavoro a Roma. Abraham è stato un colpo fantastico, conosco Tammy poiché ho lavorato al Bristol City in Championship dove lui ha giocato e segnato molti gol. Non è una sorpresa per me che stia facendo bene con Mourinho e con la Roma. In Inghilterra si parla di lui, soprattutto per l’Arsenal, sta segnando i gol che tutti pensavano. Se vuole tornare in Premier credo non sia complicato. Ma ci sono altri calciatori nella Roma che hanno giocato in Premier e che stanno facendo molto bene. Ad esempio Smalling, Rui, Mkhitaryan. Conosco anche Karsdorp dai tempi del Feyenoord. La Roma è una squadra di talento, con buoni mezzi ed esperienza europea”.

Chi va in finale?
“La Roma ha esperienza di calcio europeo, nel Leicester ci sono giocatori che hanno vinto la Premier come Schmeichel, uno dei migliori portieri del campionato. Fofana, che ha la velocità per affrontare Abraham. Tielemans, che se sta bene è uno dei migliori centrocampisti della squadra, un belga con classe. James Maddison che è fantastico. Credo che il Leicester giochi 433, per mantenere le posizioni migliori per i calciatori. Sarà un match combattuto, hanno dei calciatori che possono fare gol. Il Leicester quest’anno non ha avuto una partita con almeno il 60% di possesso palla, non concedono molti gol ma hanno molta creatività. Penso che la Roma possa andare avanti dopo le due gare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News