Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tremila tifosi in arrivo a Roma: il Leicester crede nell’impresa

Entusiasmo Foxes: esaurito il settore ospiti

Tra Tirana e la gloria, c’è la Roma, che ha strappato l’1-1 cinque giorni fa al King Power, ma nella stagione in cui è stata cancellata la regola del gol che valeva doppio in trasferta, si riparte da zero.

Il Leicester ha perso 3-1 domenica sul campo del Tottenham di Antonio Conte e inchiodato all’undicesimo posto, si aggrappa alla Conference League, non solo per scrivere un’altra pagina di storia, ma anche per confermarsi in Europa.

Brendan Rodgers ha schierato otto pedine nuove rispetto al match contro la Roma, confermando solo Kasper Schmeichel, Castagne e Albrighton. Il Leiceister ha speso meno energie nervose rispetto alla banda di José Mourinho, impegnata nella voltata per un posto in Europa League con Lazio, Fiorentina e Atalanta.

All’Olimpico, Rodgers riproporrà Maddison, Vardy, Fofana, Tielemans e potrebbe schierare dall’inizio Barnes. Ci sono possibilità anche per Ienanacho, in gol contro il Tottenham: “La Roma è una squadra forte – le parole del nigeriano -, ma noi abbiamo motivazioni enormi per arrivare in finale. Il supporto dei nostri tifosi sarà fondamentale. Vogliamo regalare alla nostra gente il sogno di un trofeo europeo“. All’Olimpico calerà l’armata delle Foxes, ribattezzata Blue Army: tremilaquattrocento tifosi. Lo scrive “Il Messaggero’.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa