Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 9 maggio 2007: la Roma ipoteca la vittoria in Coppa Italia grazie al 6-2 contro l’Inter (VIDEO)

La Roma stravince grazie ad una prestazione straordinaria. I giallorossi mettono le mani sulla Coppa

Il 9 maggio del 2007 la Roma schiantava l’Inter nell’andata della finale di Coppa Italia. La partita, la prima delle due gare, si gioca allo stadio Olimpico, e i giallorossi sanno quanto il fattore casa possa essere determinante. E cosi sarà. Pronti via e la Roma è già in vantaggio: dopo 50 secondi dal fischio d’inizio, Totti mette in rete un crossi di Taddei e porta la squadra in vantaggio. Non passano nemmeno 5 minuti che arriva anche il raddoppio: calcio d’angolo per la Roma, la palla finisce sui piedi di Mexes che spara un destro potentissimo. De Rossi, in area, la spizza quel tanto che basta per mandare fuori tempo Toldo. 2-0.

I padroni di casa sono galvanizzati, e al 15′ arriva anche il gol del 3-0 firmato Simone Perrotta, che concretizza uno splendido assist di Cristian Chivu. I nerazzurri non ci stanno e provano ad alzare timidamente la testa, riuscendo a trovare il gol del momentaneo 3-1 grazie a Crespo, che approfittando dell’errore di Pizarro mette in porta la palla. La Roma però non si lascia intimorire, anzi attacca ancor di più trovando nuovamente il triplo vantaggio: al 30′ Toldo respinge un cross velenoso, sul pallone arriva Mancini, che da vero rapace dell’area, non si lascia sfuggire la ghiotta occasione. Nella ripresa bastano 9 minuti a far ritrovare il gol alla Roma: calcio d’angolo di Pizarro, nel mucchio svetta Panucci che insacca di testa per il 5-1. L’Inter ha nuovamente un sussulto di orgoglio, ma ormai è troppo tardi; a nulla infatti servirà il gol di Crespo, il secondo, arrivato al 57′. La squadra di Spalletti è in palla, trascinata dalla spinta dei suoi tifosi, che non contenti, chiedono a gran voce il sesto gol.

La squadra li accontenta, e al 89′ arriva il definitivo 6-2 a firma, ancora una volta, di Christian Panucci: Totti dalla lunga distanza prova a centrare la porta interista su calcio di punizione. Il destro del capitano è una sassata che Toldo non può bloccare, sulla respinta arriva il terzino che, avidamente, insacca. La Roma stravince, e forte del risultato ottenuto, andrà a Milano per la sfida di ritorno a cuor leggero (per la cronaca: la sfida di San Siro terminerà 2-1 per l’Inter, troppo poco per non consentire ai giallorossi di alzare al cielo il trofeo).

TABELLINO

A.S. Roma (4-2-3-1): Doni, Panucci, Ferrari, Mexes (46′ Cassetti), Chivu, De Rossi, Pizarro (87′ Tonetto), Taddei (77′ Aquilani), Perrotta, Mancini, Totti
A disposizione: Curci, Wilhelmsson, Tavano, Vucinic
All.: Spalletti

F.C. Inter (4-3-3-): Toldo, Maicon, Cordoba, Materazzi, Maxwell (68′ Grosso), Stankovic, Dacourt, Zanetti, Figo (52′ Vieira), Adriano (58′ Recoba), Crespo
A disposizione: Julio Cesar, Burdisso, Solari, Gonzalez
All.: Mancini

Marcatori: 1′ Totti, 5′ De Rossi, 15′ Perrotta, 20′ Crespo, 30′ Mancini, 55′ Panucci, 57′ Crespo, 89′ Panucci
Arbitro: Saccani

 

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord