Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Finale anticipata

Spareggio europeo al Franchi

Una specie di limbo. «Una situazione strana» l’ha definita José Mourinho, che deve dividere i suoi pensieri tra gli ultimi tre turni di campionato e la preparazione della finale di Conference League. Meglio concentrarsi sulla rincorsa al quinto-sesto posto o iniziare a risparmiare forze per il Feyenoord? La partita di stasera a Firenze può indirizzare in un verso o nell’altro i calcoli dell’allenatore: una vittoria darebbe la certezza di qualificarsi alle coppe il prossimo anno, con grandi possibilità di giocare l’Europa League. Un pareggio lascerebbe comunque i giallorossi in una posizione di vantaggio, invece la sconfitta, complice i successi di Lazio e Atalanta, rimescolerebbe le carte, con la Roma costretta a giocarsi senza freni entrambe le ultime gare di campionato contro Venezia e Torino per non rischiare addirittura la beffa dell’ottavo posto. Per la Fiorentina di Italiano, reduce da quattro sconfitte consecutive tra campionato e Coppa Italia, è una sorta di ultima spiaggia. Ma pure una grande occasione. E al Franchi l’atmosfera sarà bollente: prevista una scenografia dei tifosi, mentre oltre duemila romanisti riempiranno il settore ospiti. Anche di lunedì.

Lo stesso giorno di quel Fiorentina-Roma nell’anno dell’ultimo scudetto giallorosso, con il celebre striscione esposto dai tifosi partiti per la trasferta: «Semo tutti parrucchieri». La squadra di Mourinho è partita in treno ieri dopo l’allenamento, il gruppo al completo – fatta eccezione per Mkhitaryan che lavora per esserci a Tirana – ha raggiunto Firenze nel pomeriggio, ma la sensazione è che più di un titolare di giovedì scorso col Leicester possa iniziare la gara di stasera in panchina. A cominciare da Zaniolo, «spremuto» da Mou nelle ultime due partite. Al suo posto potrebbe rivedersi El Shaarawy, candidato a formare il tandem di trequartisti con capitan Pellegrini. Abraham è pronto a giocarne un’altra (sarebbe la presenza stagionale nr. 49 dell’inglese), sulle fasce si rivedrà Maitland-Niles che farà rifiatare chi tra Karsdorp e Zalewski sarà giudicato più stanco dal tecnico. Un cambio anche nel terzetto difensivo, dove Kumbulla farà respirare uno dei tre titolari. Dall’altra parte Italiano non recupera Odriozola e punta sul tridente Gonzalez-Cabral-Saponara, con i vari Callejon, Piatek e Ikone jolly da pescare in panchina. Anche con un pareggio o una sconfitta di misura la Roma resterebbe davanti ai viola nel computo degli scontri diretti, grazie al 3-1 dell’andata. Era la prima partita di campionato, sono passati 105 giorni e Mourinho è riuscito nel tempo a dare una solidità diversa alla squadra. Ma dopo la semina, il raccolto si fa adesso. A partire da stasera. Lo scrive “Il Tempo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa