Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

“In finale ci sarò”: ecco come Mkhitaryan punta il Feyenoord

Mkhitaryan è fermo per infortunio dal match d’andata contro il Leicester. L’armeno adesso tenta il recupero per la finale di Tirana

C’è chi lo ha incontrato per strada dalle parti dell’Eur e anche chi ha avuto la fortuna di farci anche colazione insieme. Henrikh Mkhitaryan è stato chiaro, rispondendo in modo netto alle domande su un suo possibile utilizzo il prossimo 25 maggio a Tirana, per la finale di Conference League. “Si, per la finale ci sarò“. Su questa promessa la Roma vuole costruire un bel pezzo di speranza di portarsi a casa la coppa europea. In carriera, Mkhitaryan ha giocato 16 finali, vincendone 10 e perdendone 6. Insomma, è uno abituato a giocare le sfide decisive.

L’idea della Roma è ovviamente di rimetterlo in piedi qualche giorno prima dell’appuntamento di Tirana, magari di fargli giocare anche qualche minuto in casa del Torino. In questo momento sta lavorando molto sulla forza, facendo anche esercizi per la contrazione e l’allungamento del muscolo infortunato. Presto passerà anche ai cambi di direzione e la prossima settimana dovrebbe tornare a toccare il pallone, mettendo dentro nel piano di recupero anche i tiri in porta. Lo scrive la Gazzetta dello Sport.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa