Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Venezia, Vacca: “Giocare dopo la Salernitana non sarebbe il massimo”

Antonio Jurior Vacca, ai canali ufficiali del Venezia, ha parlato della possibilità di anticipare il match contro la Roma: le sue parole

Roma-Venezia, per ora in programma sabato sera, potrebbe essere anticipata al pomeriggio, per garantire al club veneto la contemporaneità con la Salernitana. Se il club campano, in trasferta a Empoli, conquisterà anche un solo punto, il Venezia sarebbe condannato alla B. Ai canali ufficiali del club veneto ha parlato Antonio Junior Vacca:

Il modulo che stiamo usando ora ci porta verticalizzare di più, questo perché non avendo ampiezza con gli esterni d’attacco, giocare in verticale diviene quasi una necessità. A livello personale ho alcuni rimpianti per avere avuto qualche problema fisico di troppo, senza i quali avrei forse potuto dare di più.

In questa squadra ci sono varie tipologie di regista, e tutti validi, sta all’allenatore scegliere come andare a declinare questo ruolo. La fortuna dei giocatori talvolta è proprio trovare dei tecnici che ne apprezzano le caratteristiche perché funzionali alla loro idea di gioco.

Siamo una squadra che è capace di tutto, sia nel bene che nel male, e lo abbiamo visto in molte occasioni, non ultima la partita di domenica contro il Bologna. Il fatto che Empoli e Salernitana si troveranno a giocare prima di noi è certamente una condizione non ottimale, ma questo non solo per il Venezia, anche per la stessa Roma, così come per la Lazio, perché inevitabilmente i risultati degli altri match potranno andare a condizionare la nostra gara con i giallorossi.

Domenica scorsa è stata una giornata ricca di emozioni, questa volta positive, e che ci hanno lasciato ancora uno spiraglio di luce. Non possiamo fare altro che continuare a sperare di riuscire a giocarci la salvezza all’ultima giornata.

Se andiamo a vedere i punti che abbiamo lasciato per strada, questo crea inevitabilmente dei rimpianti. Mi riferisco soprattutto alle gare il cui risultato è sfumato nei minuti di recupero, partite nelle quali abbiamo perso dei punti che avrebbero reso ad oggi la nostra classifica nettamente differente.

L’arrivo di Mister Soncin ha fatto scattare qualcosa in noi giocatori, forse anche perché ci siamo sentiti responsabili dell’esonero di Paolo Zanetti. Molti di noi sono arrivati in Serie A grazie a lui, ed il suo esonero ci ha colpito al punto da darci una spinta ulteriore in campo.

A prescindere dal risultato degli altri, queste ultime due gare che andremo a disputare rimangono pur sempre delle partite di Serie A, una categoria che molti di noi non rivedranno più, o che rivedranno fra molti anni, per cui come ho detto nello spogliatoio prima della partita contro il Bologna, deve essere imprescindibile per noi scendere in campo dando il massimo ed onorare non solo la maglia, ma anche l’opportunità di giocare in questi palcoscenici”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario