Resta in contatto

Rassegna Stampa

L’ultimo pienone prima della mega trasferta

Un Olimpico esaurito saluterà la Roma

La prima Roma di Mourinho concluderà la stagione casalinga davanti ad un Olimpico gremito. Contro il Venezia il club giallorosso registrerà il sedicesimo sold-out stagione, il quinto di fila col 100% della capienza. Al termine del match, la squadra effettuerà un giro di campo per ringraziare i tifosi.

Un’ondata di amore destinata a non fermarsi. La Roma infatti ha comunicato che la campagna abbonamenti 2022/2023 inizierà mercoledì 18 e la prima fase sarà dedicata ai rinnovi. La principale distinzione riguarda la distinzione tra “classic” e “plus”: entrambe garantiranno una prelazione sui biglietti per le partite di coppa, con gli abbonati “plus” che avranno però una ulteriore precedenza, con un’apposita fase dedicata, sui “classic”.

La nuova divisione ha fatto un po’ storcere il naso a diversi tifosi, abituati da sempre ad un prezzo unico per abbonamenti dello stesso settore. I cambiamenti inoltre non riguardano solo la tribuna Tevere ma coinvolgeranno anche gli abbonati di Curva Nord, che non avranno incluso il biglietto per il derby casalingo con la Lazio. In passato il club aveva sempre riservato tagliandi gratuiti in altri settori dello stadio. Dal prossimo anno invece i possessori di una tessera in Curva Nord potranno acquistare un tagliando in prelazione per qualsiasi altro settore con un prezzo scontato del 50% sottoscrivendo un abbonamento per 18 gare invece che 19. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa