Resta in contatto

Prima Squadra

Roma, Abraham in visita ai Musei Vaticani: “Che meraviglia la Cappella Sistina”

Il centravanti giallorosso Tammy Abraham ha visitato i Musei Vaticani, rimanendo incantato dalla loro bellezza

La finale di Tirana nella mente, la bellezza di Roma davanti ai suoi occhi. Nel secondo giorno di riposo concesso da Mourinho, dopo il pari amaro con il Venezia all’Olimpico, Tammy Abraham si è goduto le bellezze della “Città Eterna”: dopo il tour guidato del Colosseo di un mese fa, il bomber inglese è stato ospite dei Musei Vaticani. Accompagnato dalla fidanzata Leah, che vive con lui a Roma, dal fratello Timmy (attaccante del Newport Country) e da altre persone a lui care, l’attaccante giallorosso è rimasto estasiato da quanto visto all’interno di uno dei musei più famosi del mondo.

Nel corso della visita organizzata dal club giallorosso, sempre molto attento a simile iniziative nei confronti dei giocatori che arrivano dall’estero, l’inglese è rimasto per gran parte del tempo in silenzio, attento ma anche pieno di domande nel momento giusto: Abraham ha visitato la Cappella Sistina, ha conosciuto il clavigero Gianni Crea, che gli ha mostrato le chiavi di tutte le sale, facendogli chiudere quella più importante (senza nascondere un po’ di emozione).

Inoltre è stato ospite, per pochi minuti, dei Sistinari, ovvero coloro che presidiano la Sala del Pianto, dove il cardinale appena eletto Papa si cambia il vestiario. Un’emozione unica vissuta dall’attaccante giallorosso, che si è particolarmente soffermato sulla sale delle sculture greco/romane. L’adrenalina della visita è svanita sul finale, quando, controllando il telefono, ha esultato per i gol della Sampdoria sulla Fiorentina. D’altronde la testa di Abraham è sul finale di stagione della sua Roma: la gara di Torino e poi la finalissima di Tirana. Lui è pronto, vuole trasformare gli ultimi 180 minuti in un’opera d’arte.

Lo scrive La Repubblica

19 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
19 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra