Resta in contatto

Prima Squadra

Rui Patricio: “Sono orgoglioso. I tifosi meritano di vincere il trofeo”

Rui Patricio ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali della Uefa

Rui Patricio è stato intervistato dalla Uefa a pochi giorni dalla finale di Tirana. Il portiere giallorosso ha rilasciato dichiarazioni su Mourinho, sui tifosi e sulla prossima partita contro il Feyenoord. Ecco le sue parole:

Sul Feyenoord:
“Il Feyenoord è una squadra ben organizzata e ha ottimi giocatori che possono sicuramente fare la differenza. Quando prepareremo la partita, studieremo quei giocatori e i loro punti di forza, ma anche i punti deboli cercando di capire come sfruttarli. Sarà una grande finale. Sappiamo di affrontare una grande squadra, quindi faremo di tutto per vincere. Dobbiamo lavorare sodo, come facciamo ogni giorno, per poter essere al meglio”.

Su Mourinho:
“Se penso ancora che José Mourinho sia il miglior allenatore del mondo? La mia opinione va oltre. È stato un anno straordinario in cui abbiamo imparato molto. È stato fantastico lavorare con Mourinho: tutto quello che facciamo e per cui lottiamo è vincere ed è per questo che siamo riusciti ad arrivare in finale. È la mia prima finale europea con un club. Sono molto contento e voglio continuare a imparare da lui. Sono stato il suo primo acquisto, ma quando sono arrivato sapevo cosa avrei fatto e anche come, ovvero dare il massimo come in tutti i club dove ho giocato. Non cambierò mai, continuerò a lavorare il più possibile e a dare tutto per la squadra”.

Sull’emozione per la finale:
Sono orgoglioso perché è sempre stato uno dei miei obiettivi principali: arrivare in finale, soprattutto in Europa. Dall’inizio della stagione è stato sempre questo l’obiettivo. Quando giochiamo una competizione, qualunque essa sia, dobbiamo fare tutto il possibile per vincerla. Arrivare in una finale europea è il sogno di ogni giocatore, ma il prossimo anno dovremo lottare per altri trofei. Siamo ad altissimi livelli, in un club che ha tutte le condizioni per vincere titoli: deve essere questo il nostro scopo, giorno dopo giorno”.

Sulla Roma e la possibilità di vincere il primo titolo europeo:
“Ci motiva di più, ma dover vincere implica anche una maggiore responsabilità. Dobbiamo fare del nostro meglio, lottando per il club e per i tifosi, e dobbiamo ricordarcelo. Ogni giocatore conosce le proprie responsabilità; sa cosa deve fare, perché siamo professionisti. Sappiamo che è molto importante e faremo il possibile perché i tifosi meritano sicuramente questo trofeo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra