Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 24 maggio 2008: la Roma vince la sua nona Coppa Italia (VIDEO)

I giallorossi si impongono sull’Inter per 2-1. E’ l’ultimo trofeo vinto dalla gestione Sensi, che passerà il testimone dopo qualche giorno agli americani

Il 24 maggio del 2008 la Roma alzava la sua nona Coppa Italia, grazie alla vittoria contro l’Inter. La partita resta bloccata fino alla mezz’ora: al 36′ ci pensa però Mexes a portare in vantaggio i giallorossi. Calcio d’angolo per la Roma battuto da Pizarro, sulla palla arriva il difensore francese, che con un destro secco spedisce la sfera in porta, dove Toldo non può arrivare. Il primo tempo si conclude con il parziale di 1-0. Nella ripresa la Roma cerca l’affondo per raddoppiare: al 54′ arriva il gol del 2-0. Splendida azione giallorossa, con Perrotta che serve Vucinic sulla sinistra. Il montenegrino passa nuovamente la palla al numero 20, che insacca.

Manca ancora tanto alla fine, e l’Inter non ci sta a subire una sconfitta così pesante. Al 61′ arriva infatti il gol che potrebbe riaprire la partita, firmato da Pelè che dalla distanza, mette in porta la palla grazie ad un tiro potentissimo dalla lunga distanza. I nerzzurri ci credono, e per poco non trovano il gol del pareggio con Burdisso, che colpisce la traversa. Fortunatamente la rete nerazzurra non avrà conseguenze, poiché la squadra di Spalletti riuscirà a terminare la sfida sul risultato di 2-1. La Roma vince la sua nona Coppa Italia alzata al cielo dal suo capitano Francesco Totti. Rimane l’ultimo trofeo vinto dai giallorossi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord