Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 25 maggio 2015: il gol di Yanga-Mbiwa contro la Lazio porta i giallorossi in Champions (VIDEO)

A 5 minuti dalla fine del match, il difensore francese segna il gol del 2-1 che porta la Roma in paradiso

E’ il 25 maggio del 2015, Lazio-Roma, penultima giornata di campionato: chi vince va in Champions League. Un colpo di testa di Mapou Yanga-Mbiwa spedisce la Roma in paradiso, anzi in Champions League, senza passare dai preliminari. Il difensore segna e la Lazio si dispera.

Sfida vera anche all’Olimpico, match che un gol di Iturbe al 28′ del secondo tempo aveva indirizzato dalle parti della squadra di Rudi Garcia: splendida l’azione, con un tacco di Pjanic ad avviare Nainggolan, pallone a Ibarbo, cross e anticipo sul primo pallo dell’argentino, per il suo primo gol in campionato all’Olimpico. Pioli a quel punto inseriva Djordjevic. E proprio il serbo, al 36′ metteva dentro una sponda di Klose, dopo un cross di Felipe Anderson. Era l’1-1, in molti pensavano al “biscotto” anti Napoli annunciato. Ma divorato dall’uomo meno atteso, Yanga-Mbiwa.

E pensare che il match l’aveva fatto più la Lazio, partita meglio già nel primo tempo: al 3′ Candreva impegnava De Sanctis, poi al 5′ Klose sbagliava clamorosamente la deviazione di testa a porta praticamente spalancata. La Roma chiudeva la prima frazione con un solo tiro verso la porta avversaria: mai così poco in tutta la stagione. Chiaro l’atteggiamento difensivo scelto da Garcia. Atteggiamento che alla lunga ha pagato, perché gli inserimenti di Ibarbo e Pjanic nel secondo tempo – quando la Lazio ha cominciato ad accusare, hanno sbancato il derby.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord