Resta in contatto

Rassegna Stampa

Affondo per Celik, attesa per Frattesi

Il turco si avvicina a Trigoria

Passi in avanti tra Roma e Lille per Celik. Iil terzino destro è al centro delle trattative, ma c’è ancora una differenza di 2,5 milioni tra domanda e offerta: i francesi ne chiedono 8,5, a Trigoria rispondono con 6. Le parti si dovrebbero incontrare a metà strada (7,5), magari inserendo qualche bonus: intesa in dirittura d’arrivo. Possibile che il via libera possa arrivare nei prossimi giorni o dopo il 30 giugno, per questioni legate al bilancio.

Da tempo è stato trovato l’accordo con il calciatore che firmerà un contratto di cinque anni a 2 milioni a stagione. A centrocampo il profilo ideale rimane Frattesi, ma il Sassuolo lo valuta 35 milioni: cifra ritenuta eccessiva, nonostante il club giallorosso detenga il 30% sulla futura rivendita. Prezzo destinato inevitabilmente a scendere. Solo in quel caso a Trigoria affonderanno il colpo. La volontà dei Friedkin è quella di non andare oltre i 15-18 milioni più l’inserimento di un giovane. Non Bove come richiesto, ma uno tra Felix e Volpato.

L’alternativa al nazionale azzurro è Aouar, centrocampista offensivo del Lione. I transalpini lo valutano oltre 20 milioni. In mediana gli arrivi non finirebbero qui. Si lavora infatti anche per mettere a segno un acquisto importante in cabina di regia (Ruben Neves e Douglas Luiz i nomi sul taccuino). A proposito di centrocampisti: nei prossimi giorni ci sarà l’incontro per il rinnovo di Cristante (per Mancini è tutto fatto, manca solo l’annuncio).

Capitolo uscite: Diawara negli ultimi sei mesi ha rifiutato tutte le offerte, se entro l’inizio del raduno (5 luglio) non sarà ceduto a titolo definitivo la Roma lo metterà fuori rosa. Perez piace in Spagna (Maiorca e Villarreal) mentre Veretout ha mercato in Francia: Marsiglia e Monaco le più interessate. Reynolds resterà in Belgio (c’è l’accordo per il prestito al Westerlo) e Felix partirà solo a titolo definitivo (o come contropartita, vedi Sassuolo). Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa