Resta in contatto

Prima Squadra

Mourinho: “Tutti i giocatori sono diversi. La mia responsabilità è di non deluderli”

Le parole dell’allenatore della Roma: “Devi stare con loro e per loro tutto il tempo. Devono fidarsi di te”

Josè Mourinho ha rilasciato un’intervista a Forbes in cui ha parlato di XTB, la società di trading online di cui è diventato ambasciatore. Di seguito le parole dell’allenatore della Roma.

Come si diventa un buon manager?
“La cosa più importante è che le persone ti seguano. E per seguirti, devono credere in te. Normalmente, credono in te se si sentono empatici e onesti nei tuoi confronti. Nel mio caso personale, da leader, significa che ho la responsabilità di non deludere le persone, la mia squadra. Devi stare con loro e per loro tutto il tempo. Devono fidarsi di te”.

Quali sono le lezioni del coaching: il coaching sportivo può tradursi in affari o vita?
“Avevo un professore all’università che mi diceva sempre: “Un allenatore che sa solo calcio non sa niente di calcio”. Devi conoscere fondamentalmente l’essere umano, queste sono parole che uso ancora oggi. I calciatori non sono solo calciatori. Sono uomini che giocano a calcio e questa è una delle grandi lezioni che ho imparato all’inizio. Un’altra lezione che ho imparato dalla mia esperienza di coach è che devi avere a che fare con l’essere umano. Nello sport c’è soprattutto un lato umano; e ovviamente può distinguersi negli affari e in altre aree della vita sociale. Penso che questa sia la cosa più importante che definisce la leadership”.

Come costruire e motivare un team, come gestire i talenti?
“Bisogna conoscere i giocatori, conoscerli bene. Sono tutti diversi e tutti hanno bisogno di un modo diverso di comunicare, di un modo diverso di ricevere feedback, di essere motivati. La cosa più importante è conoscerne la natura, sapere tutto di loro, per poter poi interagire con loro in modo quasi individuale. Direi che è un po’ come quando si va al ristorante e si mangia à la carte, come si dice in francese. Non guardarli come se fossero tutti uguali, perché sono tutti diversi. È abbastanza facile da dire ma più difficile da fare. Per una squadra nel suo insieme, devi creare empatia con tutti. Devi far sentire tutti importanti, far sentire tutti parte della squadra e per questo devi conoscere le persone estremamente bene. Devi sapere come interagire con ognuno di loro, sapere come farli sentire importanti, farli sentire parte di una squadra e importanti per la squadra. È primordiale. Quindi, tornando alla mia risposta precedente, il lato umano è la cosa più importante, devi creare empatia con gli individui”.

Come esibirsi ad alto livello?
“Direi che è il tipo di tratto caratteriale che rende i veri campioni. Sai come vincere. Vincere a un certo momento, capita a volte. Ma vincere per molti anni, esibirsi ad alto livello per molti anni, come fanno alcuni giocatori, dipende dalla loro capacità di recupero. Fa anche parte del loro DNA, non amano perdere, nemmeno in allenamento. Mantenere le loro prestazioni elevate non è quindi nemmeno una sfida per loro, fa semplicemente parte della loro natura”.

Come ti attieni alla tua strategia nonostante le circostanze avverse?
“Costruire strategie significa cercare di ridurre l’imprevedibilità di tutto. Il calcio, come molti ambiti della nostra vita, è imprevedibile. Non possiamo prevedere tutto, ma più investiamo in formazione, più siamo preparati ad affrontare situazioni diverse. Questo riduce questa imprevedibilità e ci dà sicurezza che ci permette di fare le nostre scelte. Sappiamo che le partite di calcio comportano dei rischi, certo, ma dobbiamo cercare di ridurre questi rischi preparandoci al meglio”.

Come prendere decisioni difficili?
“È difficile passare una settimana senza dover prendere una decisione difficile. Decisioni difficili in termini di leadership, per cercare di vincere una partita, per aiutare la tua squadra a vincere una partita. Come affrontare questo? Certamente a volte cerchiamo di prepararci, ma allo stesso tempo ci sono momenti in cui dobbiamo fidarci gli uni degli altri. Devi fidarti della tua analisi, ma a volte anche dei tuoi sentimenti e, fondamentalmente, saper apprezzare i rischi. Se non ti piace il rischio e ciò che ne deriva, non avrai mai successo. A volte è quindi necessario fare il grande passo, invece di essere sopraffatti dallo stress e semplicemente godersi la situazione”.

Come gestire la pressione?
“Cerco di non sentire troppa pressione nel mio lavoro. Penso di avere un buon rapporto con lo stress. Non sentire la pressione non va bene, ma anche sentire troppo, se lo senti profondamente, non va bene. Quindi devi cercare di avere un buon rapporto con la pressione e lo stress. Il mio miglior consiglio per affrontare la pressione? Penso che ci sia qualcosa di più importante della pressione: è la nostra identità, è ciò che sentiamo, ciò che pensiamo, le nostre idee. Non lasciarti influenzare dal mondo esterno e dallo stress che senti. Cerca di affrontarlo in modo positivo usando la tua conoscenza ed esperienza. La tua esperienza ti aiuta ad affrontarlo, ma la cosa più importante è ancora una volta sfruttare un po’ questa pressione”.

Come osi andare oltre i tuoi limiti?
“Penso che la chiave sia non accontentarsi mai di ciò che si ha e volere sempre di più. Quando vuoi guadagnare medaglie, vuoi guadagnare di più. Quando fai goal, vuoi segnare di più. Quando hai guadagnato soldi, vuoi guadagnare di più. Tutto ruota intorno al “di più”. Mai smettere! Questa sensazione non ha nulla a che fare con l’età, è una questione di personalità”.

Perché hai deciso di diventare un ambasciatore di XTB? Quali valori comuni condividi con XTB?
“Una strategia ben congegnata, la voglia di vincere, lo stesso vale per gli investimenti. Sai, tutti vogliono vincere. Nel mio caso, è nel calcio. Nel caso di XTB è ovviamente un campo diverso, ma abbiamo la stessa voglia di riuscire, di imparare ogni giorno, di cercare di essere migliori. A volte è una questione di intuizione. Ma è anche molta ricerca, preparazione e auto-investimento”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra