Resta in contatto

Rassegna Stampa

Frattesi, si chiude: trovato l’accordo col talento azzurro

L’ex Primavera vuole tornare in giallorosso

La Roma accelera e mira a chiudere entro la partenza per il ritiro in Portogallo l’acquisto di Frattesi. Ieri il club ha incontrato a Milano l’agente del calciatore. Un appuntamento durato un’ora per definire i termini del contratto del nazionale azzurro che ricalcherà quello iniziale di Cristante (quinquennale a salire nel corso del tempo da 2 milioni di stipendio più bonus). Nel colloquio si è parlato anche di Bryan che, seguito dallo stesso procuratore, potrebbe essere la chiave di volta indiretta della vicenda. Tradotto: accontentare il manager su Cristante (chiede 3,5 milioni, premi inclusi, come il compagno di squadra e di scuderia Mancini) regalerebbe lo sprint necessario per affrontare nuovamente il Sassuolo che ieri è stato soltanto incrociato.

Nei giorni scorsi si è già mosso in prima persona Davide, facendo presente all’ad Carnevali che non prenderà in considerazione offerte dall’estero. Considerando che in Italia l’unica rivale, l’Inter, si è tirata indietro a inizio giugno quando Marotta si è visto rifiutata la proposta di un prestito biennale con diritto di riscatto a 28 milioni, al momento la Roma corre da sola. La differenza rimane di 7 milioni (32 la valutazione del cartellino da parte degli emiliani, 25 quella giallorossa) da cui va decurtata la percentuale del 30% sulla rivendita in mano della Roma. Ed è proprio su questo che fanno leva a Trigoria. Un braccio di ferro che soltanto il tempo e il pressing dell’agente del ragazzo potrà attenuare. A meno che nella trattativa non entri un giovane. Ma anche qui le parti sono lontane: il Sassuolo chiede Bove, la Roma è disposta a parlare di Felix, Tripi o Volpato. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa