Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pinto a Milano: sprint Frattesi. Guedes, si può

Si prova a chiudere per il centrocampista

Il pranzo programmato tra il general manager Tiago Pinto e l’agente di Davide Frattesi è andato in scena ieri a Milano, in un noto ristorante in zona Monte Napoleone. Non così lontano da occhi indiscreti, ma abbastanza riservato per avere l’ok del calciatore. La Roma ha ribadito all’entourage del centrocampista la volontà di portare a termine l’operazione a tutti i costi, trovando l’accordo sull’ingaggio: cinque anni di contratto a circa 1,8 milioni di euro a salire, fino ad un massimale di 2,5. Un incontro vis-à-vis che è servito soprattutto a gettare le basi per una strategia comune che convinca il Sassuolo a scendere dalla richiesta di 30 milioni di euro. Visto che Frattesi la sua scelta l’ha fatta, e non da ieri. Le parti si riaggiorneranno, con la Roma che avrà presto un contatto diretto con il club neroverde per trovare la quadra economica dell’operazione.

Ma questo matrimonio, in un modo o nell’altro, s’ha da fare. E ne sono tutti consapevoli. Ma non c’è solo la vicenda Frattesi sul tavolo di Tiago Pinto. La giornata di ieri è stata significativa anche sul fronte Guedes, esterno offensivo del Valencia, intento nel vendere i migliori pezzi per non incappare nelle severe sanzioni del fair play finanziario spagnolo. Carlos Soler e José Gaya sono gli altri due giocatori in uscita, con il club spagnolo che ha fretta di monetizzare le loro partenze entro il 30 giugno, con l’obiettivo di far registrare plusvalenze per 60 milioni di euro. Tiago Pinto vorrebbe così sfruttare l’oggettiva situazione di difficoltà del Valencia per strappare Guedes ad una cifra intorno ai 20 milioni, con l’inserimento di due contropartite come Carles Perez (piace molto a Gattuso) e Gonzalo Villar. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa