Resta in contatto

News

Pruzzo: “Zaniolo può restare un altro anno. Ronaldo rimarrà un sogno”

Le parole dell’ex bomber giallorosso: “CR7 è un’idea suggestiva, ma non ci ho mai creduto. Alla Roma non manca molto per struttura della squadra”

Roberto Pruzzo ha parlato della Roma e delle mosse del futuro del club giallorosso ai microfoni di tuttomercatoweb.com: “Cessione di Zaniolo? Secondo me – ha detto l’ex bomber – a meno che non si presenti un club con i soldi che la Roma vuole, resta in giallorosso almeno un altro anno”.

La Roma è intanto infastidita dalla vicenda?
“Va detto che ormai stanno cambiando le strategie delle società. Di fronte ad un giocatore con due anni di contratto si sta vedendo che sta passando di moda trovarsi a discutere un nuovo accordo. Ci si ritrova ad avere giocatori che vanno a scadenza, la tendenza è quella. E’ una cosa giusta che anche le società fanno, perchè con i parametri zero non comprano più il cartellino e avendo sempre più giocatori di questo genere ci sarà sempre più scelta”

CR7-Roma: ci ha mai creduto?
“Mai anche se la cosa è suggestiva e pensando a lui e Mou si può sognare. Però penso che resterà appunto un sogno”

Le prossime mosse della Roma?
“Alla squadra non manca molto, per come è strutturata. Zalewski e Spinazzola sono giocatori in più rispetto all’anno passato, in avanti puoi migliorare le seconde linee con qualche uscita-entrata. Poi dipende anche da Zaniolo, se parte devi prepararti con un super calciatore per sostituirlo. E serve un investimento pesante a centrocampo con due giocatori di livello superiore. I nomi che sento non alzano il livello”.

Belotti lo prenderebbe?
“Non lo prenderei, non è il giocatore giusto in questo momento storico. Lì davanti c’è Abraham che è una garanzia, serve un altro tipo di calciatore”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News