Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Serie A, rapporto spese-trofei negli ultimi 10 anni: Lazio prima, Roma ultima

Serie A, la Lazio col miglior rapporto spese-trofei

Il mercato estivo è pronto ad aprire i battenti, anche se in molti si sono già mossi. Questa fase dell’anno si rivela spesso fondamentale ai fini degli obiettivi stagionali: comprare i rinforzi giusti per alzare dei trofei. L’idea del “Più spendo, meglio spendo”, però non è sempre quella giusta, anzi. Negli anni non sempre chi ha investito di più ha vinto di più, come dimostra lo studio di Sportpress24. Prendendo in considerazione i club che hanno vinto almeno un trofeo negli ultimi 10 anni, e facendo il rapporto tra soldi spesi e trofei vinti, infatti, è venuto fuori che la squadra col risultato migliore è la Lazio, seguita da Juve, Napoli, Inter, Milan e Roma.

I biancocelesti hanno speso 286.740.000,00 euro, molto meno rispetto alle altre squadre di Serie A, ma hanno portato a casa 4 trofei: 2 Coppe Italia e 2 Supercoppe, rispettivamente nelle stagioni 2012/13 – 2018/19 e 2016/17 – 2018/19. Il rapporto è un titolo ogni 71.685.000,00€.

Subito dopo c’è la Juve con 1 miliardo e mezzo di spese e 17 trofei, quindi 87 milioni per ognuno; chiude il podio il Napoli con 757 milioni per 3 trofei, uno ogni 252,5.  L’Inter supera di poco il miliardo nelle spese, con appena 3 trofei (1:336 mln); il Milan invece 867 milioni per 2 trofei (1:433 mln). All’ultimo posto c’è la Roma con ben 953.320.000 milioni di euro per un solo trofeo, la Conference dello scorso maggio.

ECCO LO SCHEMA

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario