Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo-Roma, alta tensione: l’attaccante è agitato

Il calciatore appare poco sereno

Ha cominciato sgommando, come se dovesse saltare un avversario. Nicolò Zaniolo è arrivato a Trigoria per il raduno, accompagnato in auto dal padre Igor, senza fermarsi per gli autografi e le foto che chiedevano un gruppetto di giovani tifosi. L’episodio ha provocato la reazione di uno di loro, che gli ha rivolto un insulto.

È l’istantanea del momento che Zaniolo ha cercato di addolcire all’uscita. In quel caso ha preferito accontentare i tifosi rimasti sotto il sole ad attendere lui e gli altri giocatori. Ma quando è stato esortato “a non andare alla Juve” con termini piuttosto coloriti non ha battuto ciglio, ha scelto il silenzio assoluto.

La verità è che nessuno è in grado di dire come finirà questa storia. Che la Roma abbia chiesto al procuratore di Zaniolo, Claudio Vigorelli, di portare un’offerta ragionevole è acclarato. Ieri non a caso a Trigoria c’è stato un incontro con Tiago Pinto. Che Zaniolo sia allietato dall’ipotesi di trasferirsi alla Juventus, la squadra per cui tifava da bambino, è pure comprensibile. Manca però l’elemento principale, cioè la trattativa.

Le due società, dopo un incontro veloce a Milano tra i direttori, non si sono più confrontate sul tema. La Juventus adesso è orientata su altri obiettivi, cioè finalizzare l’ingaggio di Di Maria e sistemare la cessione di De Ligt. Potrebbe interessarsi a Zaniolo in una fase successiva, persino a campionato iniziato, perché strategicamente non lo vuole indicare come una priorità. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa