Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo non si ferma più: gol con la fascia da capitano

Nicolò torna protagonista in giallorosso

Ancora due gol, le giocate di Pellegrini, il rigore sbagliato da Abraham nel finale, la gioia di Tripi, l’ennesimo sigillo di Zaniolo che ieri è stato omaggiato da Lorenzo con la fascia da capitano: sono i flash del secondo test amichevole vinto dai giallorossi contro il Portimonense per 2-0. Partita servita per trovare la condizione migliore, aggiustare le misure tra i reparti e ritrovare quel feeling in campo che le 2-3 settimane di ferie hanno inevitabilmente mitigato. La Roma, che sia con Spinazzola o Zalewski in campo, pende a sinistra, cerca sempre l’uno-due che garantisce la corsa all’esterno per il cross. Cristante, schierato al posto di Matic nel primo tempo, garantisce le geometrie necessarie ma non sempre Felix ne approfitta.

La difesa regge bene l’urto del Portimonense che ha chiuso l’ultima Liga portoghese al tredicesimo posto. La novità rispetto al Sunderland è che la squadra è stata più propositiva e meno attendista nel giocare sull’errore dell’avversario. Merito di Pellegrini che ha rubato l’occhio, nonostante fosse in dubbio alla vigilia per un colpo alla schiena. E’ una Roma che si diverte e diverte. Se si aspettava una risposta di Zaniolo dopo un mese di sospiri, indiscrezioni, tira e molla, sta arrivando. Anche l’abbraccio dei compagni dopo la rete è un segnale, Nicolò è parte integrante del gruppo e anche Mou se n’è reso conto e uno psicologo come lui non poteva che confezionare la ciliegina sulla torta: la fascia da capitano. Inevitabilmente un segnale. Lo scrive Il Messaggero.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa