Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sono otto in lista di uscita: Pinto vuole monetizzare

Il mercato in uscita impegna il gm giallorosso

Mentre il mercato in entrata decolla, quello in uscita resta bloccato. Nella lista dei partenti sono presenti 8 nomi: Calafiori, Villar, Diawara, Kluivert, Vina, Veretout, Carles Perez e Shomurodov. Tra questi ci sarebbe stato anche Darboe, ma l’infortunio ha cambiato i piani. L’obiettivo di Pinto è monetizzare il più possibile con questi esuberi e allo stesso tempo continuare ad abbassare il monte ingaggi. Ipotizzando le otto cessioni, la Roma taglierebbe quasi 25 milioni lordi solo di stipendi. Il calciatore con più mercato è sicuramente Veretout, ma Mourinho punterebbe comunque su di lui qualora dovesse rimanere. Marsiglia e Lille hanno formulato offerte da 8/9 milioni, ma i giallorossi ne chiedono almeno 12. Su Carles Perez è forte l’interesse del Celta Vigo, ma il gm chiede l’obbligo di riscatto. Shomurodov non è stato convocato per l’amichevole contro il Tottenham e ha già avuto dei contatti con Bologna e Torino. Vina è chiuso dalla presenza di Spinazzola e Zalewski e su di lui si era mosso il Feyenoord, che ha proposto un prestito secco: la Roma ha rifiutato.

Calafiori, Villar, Diawara e Kluivert sono ai margini del progetto. Per il terzino c’è il ritorno di fiamma del Genoa e l’interesse del Zurigo, per lo spagnolo la Sampdoria propone il prestito con diritto di riscatto, mentre Pinto chiede l’obbligo. Il guineano ha due offerte a titolo definitivo (Galatasaray ed Hertha Berlino), che andrebbero però sviluppate. L’olandese, invece, attende il Fulham e una nuova chiamata del Nizza. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa