Resta in contatto

Rassegna Stampa

Dybala, buona la prima con Mou. Tutto ok Abraham e Zaniolo, il Tottenham di Conte domato

L’argentino si presenta con un assist delizioso da corner

A sua immagine e somiglianza. José Mourinho ha molti motivi per tornare soddisfatto da Israele, dove la Roma ha battuto per 1-0 il Tottenham in un’amichevole che ha avuto tutte le caratteristiche della partita vera, compresi i fallacci di Romero e l’uscita nel finale di Pellegrini con l’arcata sopraccigliare spaccata, come capita di solito ai pugili. E’ calcio estivo, ma si vede già la mano del tecnico portoghese che non solo fa esordire Dybala “in chiaro”, ma schiera quello che a Roma chiamano già “Il Quadrato magico”: la Joya, Abraham, Zaniolo e Pellegrini (più arretrato) tutti insieme.

L’esperimento riesce e nel primo tempo la Roma gioca davvero una buona gara, trovando gol su azione di calcio d’angolo. Sinistro chirurgo di Dybala dalla bandierina per Ibanez, che finisce nella porta di Lloris. Non è facile mettere sotto fisicamente una squadra di Premier League, ma questa Roma di giganti risponde colpo su colpo. Dybala esce dopo un’ora che fa ben sperare: oltre all’assist dalla bandierina sfiora anche il gol dopo nemmeno un minuto su azione decisiva di Zalewski, uno dei migliori, uscito però nella ripresa per un infortunio da verificare meglio al ritorno a Roma. Molto bene la fase difensiva, sia con Dybala che con l’ingresso di Matic. Tenere la porta inviolata contro un avversario forte e più avanti con la preparazione è forse l’aspetto più importante. Lo scrive Il Corriere della Sera.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa