Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mourinho ha vinto: ha convinto i Friedkin ad anticipare di una stagione il salto di qualità

Le mosse dello Special One

Il messaggio è duplice. Alla proprietà e alla piazza. Ancora una volta Mourinho dimostra perché è Special. Ultima tappa Haifa. In una notte che ha visto la Roma superare il Tottenham, José è stato capace di lanciare due segnali. Il primo tecnico (e di mercato): Dybala e Zaniolo non sono alternativi ma possono giocare insieme.

Il secondo “sociale” venendo meno al proposito di parlare soltanto alla vigilia del match con la Salernitana. Le parole utilizzate su Instagram nel post-gara non sono state casuali (“Grande partita di allenamento contro un top team”) e volte a frenare l’entusiasmo dilagante di un popolo che dallo scorso 25 maggio non fa altro che sognare.

Mou, però, ha imparato a conoscere bene questa città. E sa che questo crescendo boleriano di gioia – riscontrabile nella riposta del pubblico a livello di abbonamenti (oltre 36mila), nella corsa al biglietto per un match all’Olimpico il 7 agosto con lo Shakhtar e nella presentazione della Joya al Colosseo quadrato – va convogliato, indirizzato.

José è convinto che nella prossima stagione la Roma possa ricoprire il ruolo di outsider. Se è vero che Juve e Inter hanno qualcosa in più, ripetersi per il Milan non sarà semplice, il Napoli ha venduto molto mentre la Lazio ha intrapreso un processo di rinnovamento per il quale ci vorrà pazienza e tempo.

E allora perché non crederci? Senza fanfare, proclami o frasi ad effetto. Ma in pieno stile Friedkin: con il lavoro quotidiano, sfruttando il fatto che la numerosa base italiana (Spinazzola, Pellegrini, Cristante, Mancini e Zaniolo) resterà a casa mentre il Mondiale prosciugherà le energie fisiche e mentali di molti. Senza contare poi, che al secondo anno Mou fa sempre meglio del primo. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa