Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Due anni di Friedkin: soldi, acquisti e Mourinho, la Roma ha svoltato con il Dan silenzioso

La svolta arrivata con la proprietà americana

Esattamente il 2 agosto del 2020 il presidente del gruppo Friedkin. Dan Friedkin appunto, dava ai suoi legali l’ultimo e definitivo ok per i documenti che avrebbero sancito, 4 giorni dopo, l’acquisto ufficiale della Roma.

Da quel momento è partita una rivoluzione silenziosa, ma quanto mai efficace, che in ventiquattro mesi ha portato: un trofeo, un allenatore di fama mondiale, giocatori importantissimi, uno stadio sempre esaurito e un alto che inizia a vedere la luce e, soprattutto, un’esplosione d’amore totale tra la squadra e i suoi tifosi.
Chi si occupa, tutti i giorni, di Roma, ha scelto di avere un legame fondamentale con il territorio, con iniziative continue che vanno dal poveri ai disabili, fino alle donne vittime di violenza. Motore di tutto sono Dan e Ryan Friedkin: in pochissimi conoscono la voce del presidente e di suo figlio, di loro si sa poco, se non che abitano uno ai Parioli e l’altro non distante dal Pantheon, che amano frequentare gli stessi posti, sempre molto fidati, e che non amano apparire.

I Friedkin hanno investito 632,5 milioni di euro: 199 per comprare la Roma. 595 per le spese correnti e 38.5 per uscire dalle Borsa. Un flusso continuo di soldi investiti che la proprietà ha messo in due anni per tenere in vita la squadra e riportarla ai fasti di una volta. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa