Resta in contatto

Rassegna Stampa

Veretout al Marsiglia per 10 milioni. Ma i tifosi insorgono

Curiosa vicenda legata al mediano francese

Mentre la Roma tratta la cessione di Jordan Veretout con il Marsiglia sulla base di 10 milioni, cifra utile a evitare minusvalenze di bilancio e a snellire l’organico da uno stipendio pesante, i tifosi francesi si ribellano a causa di una storia giudiziaria che riguarda il suocero del giocatore.

Sui social e non solo, da ieri si sta diffondendo un movimento di opinione che invita il presidente Longoria a non comprare Veretout, che dal punto di vista etico non rispecchierebbe un esempio degno dei colori dell’OM.

Senza entrare nella sfera privata, e nelle scelte economiche e familiari del giocatore, la sollevazione popolare si aggiunge a una serie di episodi che anche lo scorso anno hanno minato l’immagine di Veretout. Dal Covid-party organizzato proprio dalla moglie Sabrina alla dura posizione contrattuale che Jordan aveva assunto nei confronti della Roma

A Mourinho disse anche, in un momento di sfogo, che non avrebbe più giocato finché non fosse stata risolta la questione. Poi il caso venne congelato. E anzi l’allenatore con il buon senso che gli è proprio ha saputo utilizzare Veretout come alternativa, quando lo ha ritenuto funzionale alla squadra, chiedendo alla società di non venderlo finché non fosse stato acquistato il sostituto. Oggi, con Wijnaldum, il problema non si pone più e la separazione appare imminente. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa