Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pellegrini e Dybala, l’Olimpico sogna

Fantastica Roma nell’ultima amichevole stagionale

Bandiere, cori e boati: dopo 85 giorni di assenza, da quel malinconico giro di campo al termine di Roma-Venezia, dove il finale di stagione era ancora tutto da scrivere, l’Olimpico giallorosso ha riabbracciato con entusiasmo tracimante la Roma di José Mourinho. Oltre 63mila spettatori hanno interrotto o posticipato le vacanze estive, pur di non mancare all’evento di presentazione della squadra.

Uno spettacolo di colori e bandiere, tra gli spalti e il campo, dove sono stati accolti, uno per uno, i calciatori giallorossi, prima dell’amichevole con lo Shakhtar Donetsk. Lo speaker ha presentato prima i giocatori già presenti in rosa, ognuno con una canzone diversa scelta dagli stessi calciatori, per poi finire con i nuovi acquisti. Cori per Nicolò Zaniolo, una risposta decisa alle voci di mercato che lo vedono nel mirino del Tottenham di Antonio Conte, applausi scroscianti per Cristante, Zalewski e il bomber Tammy Abraham. Passando invece ai nuovi volti, un vero e proprio boato ha accolto, nel momento dell’annuncio, Paulo Dybala sul terreno dell’Olimpico, con i tifosi che hanno sillabato, al massimo dei decibel consentiti, il nome della “Joya”.

L’Olimpico si è invece trasformato in una discoteca all’aperto per pochi secondi, quelli che ha impiegato Gini Wijnaldum per raggiungere il centro del campo, sulle note della canzone che lo accompagna da giorni: insieme all’argentino, l’olandese è decisamente il colpo che maggiormente ha acceso la fantasia dei tifosi.

La cerimonia di presentazione della squadra si è poi conclusa con l’ingresso in campo di capitan Lorenzo Pellegrini e del tecnico José Mourinho. Il numero 7 ha rivolto alcune parole al pubblico presente: “Ripartiamo con lo stesso entusiasmo dello scorso anno verso altre vittorie””.

E in campo è stato subito spettacolo, con i quattro tenori (Zaniolo-Dybala-Abraham-Pellegrini) che, in questo ordine, hanno confezionato la prima rete della serata. La sfida è servita per mettere altra benzina nelle gambe, ad una settimana esatta dalla sfida dell’Arechi contro la Salernitana di Nicola.

Lo scrive La Repubblica.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa