Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Shomurodov rallenta l’arrivo del gallo. Rispunta Solbakken

Se non dovesse arrivare Belotti, i giallorossi potrebbero concentrarsi su Solbakken

Indubbiamente è un dato di fatto, fin qui gli arrivi sono stati da leccarsi baffi e nei piani di Mourinho non è finita qui. Il lavoro del general manager Tiago Pinto, però, in questo momento prevede un lungo, lento e complicato lavoro di incastro. Il portoghese è alle prese con la risoluzione dell’intrigo sull’asse Belotti-Shomurodov. Per l’arrivo del Gallo, ormai si sa ed è diventata quasi una filastrocca, serve la cessione dell’attaccante uzbeko. Con il  c’è una situazione di stallo.

L’accordo tra Pinto e la dirigenza del  per Shomurodov non è ancora arrivato, si continua a trattare su condizioni per l’obbligo di riscatto e sulla cifra totale del trasferimento, mentre si fanno avanti altri club, tra cui il Trabzonspor, che non ha però grandi possibilità economiche. La situazione dell’uzbeko, di fatto, rallenta momentaneamente il mercato della Roma, con Pinto che intanto continua a portare avanti altre piste oltre quella del Gallo, anche per altri ruoli. In attacco è rispuntato tra i pensieri della squadra mercato della Roma il nome di Ola Solbakken, che potrebbe essere un nome per gennaio, come oltretutto previsto inizialmente. La sua priorità è la Roma, agli agenti ha detto di aspettare. In difesa sempre vive le ipotesi che portano a Natan e (al più costoso) a Victor Lindelöf, profilo particolarmente gradito allo Special One. In uscita potrebbe esserci Felix: per il ghanese hanno richiesto informazioni Crystal Palace, Salernitana e , ma allo stato attuale non c’è ancora nulla di concreto per un suo trasferimento, la cui possibilità non viene però smentita (è una novità) da ambienti vicini al giocatore. Lo scrive Il Romanista.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa