Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Nicola: “Gara ordinata contro una squadra forte come la Roma”

L’allenatore della Salernitana: “Potevamo sfruttare di più alcune ripartenze ma sono soddisfatto”

Nicola ha parlato a DAZN dopo Salernitana-Roma (0-1). Di seguito le parole dell’allenatore della Salernitana.

La partita?
“Per il momento sono soddisfatto perché abbiamo fatto un passo in avanti rispetto alla partita di Coppa Italia. Ho visto una squadra ordinata giocare contro una squadra forte, con giocatori che hanno vinto trofei. Noi abbiamo ancora qualcuno indietro di condizione, qualcuno è arrivato qualche giorno fa. Dobbiamo completare il nostro progetto tecnico-tattico. Peccato, potevamo sfruttare meglio qualche situazione di ripartenza”.

Vi è mancata la qualità nella giocata?
“L’ultimo passaggio, la scelta. Col passare del tempo perdevamo lucidità. In questo momento non siamo al top, com’è normale che sia, ma mi è piaciuto lo spirito, la voglia di proporre gioco. Per noi è importante trovare quest’organizzazione e completarci, perché in questo momento c’è ancora qualcosa che ci manca”.

L’idea è proporre un calcio propositivo?
“Vogliamo proporre un calcio propositivo e aggressivo, l’idea è questa. Ma non è legato solo allo spettacolo estetico, deve essere legato al gioco e poi ai punti. Sappiamo bene qual è il nostro obiettivo. Ho visto già un’ottima crescita. Mi aspetto di integrare tutti al più presto, la scelta di inserire subito i nuovi acquisti va in questo senso”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News