Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pressing di Belotti su Tiago Pinto

L’ex capitano dei granata ha bisogno di accasarsi al più presto

Mentre gran parte dei suoi colleghi hanno già iniziato la stagione, Andrea Belotti si ritrova a guardare da spettatore la prima giornata di Serie A. Un paradosso per il centravanti che ha detto addio al Torino, a caccia dell’occasione giusta e dell’ultimo contratto importante della sua carriera. La vita da disoccupato non si addice al Gallo, che mai si sarebbe aspettato di rimanere ancora in bilico a due settimane dalla fine del mercato: per questo l’attaccante sta pensando seriamente di lasciare l’Italia pur di ricominciare a fare il calciatore il prima possibile.

Una scelta forzata, che prenderebbe quasi controvoglia visto che la priorità della famiglia Belotti è sempre stata quella di rimanere in Italia, possibilmente nella Capitale. L’interessamento della Roma infatti è reale, nonostante l’impossibilità dei giallorossi di tesserare il giocatore al momento attuale. Per questo l’ex capitano granata ha deciso di aspettare ancora qualche giorno, prima di voltare le spalle a Tiago Pinto e accettare una delle ricche offerte che gli sono arrivate dall’estero. La speranza del Gallo è che il gm portoghese riesca a cedere a titolo definitivo uno tra Shomurodov e Felix entro metà della prossima settimana, in modo da iniziare la sua avventura in giallorosso prima della seconda di campionato. Lo scrive Il Tempo.

14 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa