Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Dazn, interviene il Codacons: denuncia per interruzione di pubblico servizio e truffa

I disservizi della prima giornata avranno ripercussioni per il broadcaster

Il Codacons interviene dopo i gravi disservizi che hanno interessato la trasmissione delle gare di Serie A da parte di Dazn. Questo il comunicato legato alla denuncia per “interruzione di pubblico servizio e truffa”:

“Il giorno dopo non si placa il caso aperto dai disservizi sulla piattaforma DAZN. Gli utenti sconcertati dai problemi subiti continuano a segnalare all’Associazione un malcontento diffuso. Già nel corso della prima giornata, infatti – come accaduto già lo scorso anno – si sono registrati gravissimi disservizi alla trasmissione e alla visione di varie partite di Serie A. L’Associazione, che depositerà una denuncia per interruzione di pubblico servizio e truffa, ha deciso di scendere in campo a tutela degli utenti: questi ultimi potrebbero essere chiamati a un vero e proprio sciopero, sospendendo il pagamento della quota mensile fino alla definitiva risoluzione di questi eterni problemi tecnici. Le denunce degli utenti, infatti, sommergono da ieri i social network: l’indignazione ha raggiunto livelli altissimi, specialmente alla luce dei costi (per nulla ridotti) degli abbonamenti televisivi proposti dalla piattaforma. A fronte di abbonamenti che costano sempre di più, il servizio non fa che peggiorare. Ora dalla Lega e da DAZN ci aspettiamo risposte e soluzioni certe e non più parole al vento”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News