Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Roma, in Inghilterra rimpiangono Mourinho “il motivatore”

“Se Pogba e Dele Alli lo avessero ascoltato…”

Mourinho è tornato lo ‘Special One’, per tutti. Anche per chi in Inghilterra, dopo l’esperienza al Tottenham, non credeva più nel tecnico portoghese. L’anno con la Roma e la vittoria in Conference League ha fatto cambiare il giudizio di molti, soprattutto dove ha allenato per una vita tra Chelsea, Manchester United e Tottenham e dove adesso lo rimpiangono. E’ diventato virale nelle ultime ore infatti un video della serie Prime Video ‘All or Nothing’ sul Tottenham che ritrae il discorso motivazionale di Mourinho, seduto nel suo ufficio, a Dele Alli, ora in procinto di lasciare l’Everton per il Besiktas. “Adesso ho 56 anni, ma ieri erano 20. Il tempo vola e un giorno, penso che ti pentirai di non essere arrivato dove meriti. Io non pretendo che tu segno ogni partita, nè che tu sia decisivo sempre. Sei tu che devi pretendere di più da te stesso” diceva Josè al calciatore inglese.

E su questa clip si sono scatenati social e tv inglesi. “Se non ami Jose Mourinho dopo aver visto questo video, allora devi essere imparentato con giocatori come Dele Alli e Paul Pogba che non hanno mai ascoltato…”, si legge su Twitter. E poi ancora: “Chissà cosa sarebbe successo se avessero ascoltato Mourinho”. E se a Pogba l’aver deluso in Inghilterra lo ha riportato in Italia, sponda Juve, diversamente è andata Dele Alli, pronto a trasferirsi in Turchia dopo non aver ascolta Mourinho ‘il motivatore’. Lo riporta l’ANSA.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News