Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Wijnaldum, operarsi o no: la decisione è attesa oggi

Oggi è il giorno della decisione di Wijnaldum: il centrocampista valuterà se operarsi o meno, tifosi in attesa

C’è un intero popolo che aspetta che conta le ore, fa tabelle di marcia e si interroga sul futuro assieme all’amico Gini, ormai uno di casa. Oggi Wijnaldum capirà se dovrà sottoporsi all’operazione per la frattura della tibia destra, oppure tornare a casa e iniziare con lo staff medico giallorosso un piano di riabilitazione.

L’olandese, comunque, non ha perso la fiducia e nemmeno l’ottimismo: gli amici, i nuovi compagni e persino José Mourinho si dicono sbalorditi da come ha saputo reagire dopo l’infortunio. Il 31enne di Rotterdam scrive messaggi ispiranti sulla chat della squadra (con uno li ha ringraziati per essere scesi in campo con la sua maglia e la scritta “Forza Gini” durante il riscaldamento di Roma-Cremonese) e appare sostanzialmente sereno.

La tibia è stata ingessata lunedì e da quel momento devono trascorrere 72 ore prima di un nuovo controllo per stabilire se passare sotto i ferri o scegliere una terapia conservativa. Nel pomeriggio, o al massimo domani mattina, il responso. La decisione sarà condivisa tra la Roma e il Psg, anche se l’ultima parola, ovviamente, spetta a Gini; il quale stamattina, dopo gli esami, chiamerà personalmente il dottor Georg Ahlbaumer della Klinik Gut di St. Moritz per relazionare sugli ultimi sviluppi il luminare messo a disposizione dei Friedkin. Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa