Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Conferenze stampa

Mourinho duro con Abraham : “Ha fatto una partita orribile”

Le parole dello Special One in conferenza stampa

José Mourinho ha parlato in conferenza stampa al termine del match dell’Allianz Stadium dove la sua Roma ha conquistato un punto. Parole dure soprattutto nei confronti di Tammy Abraham:

Ha detto altro allo spogliatoio?
“Sì però fiducioso che loro erano preparati per quel tipo di intervento. L’anno scorso abbiamo avuto qualche partita simile, come a San Siro. Non avevo mai sentito che la squadra fosse preparata per un impatto di questo tipo. In questa stagione ho trovato una squadra cresciuta, anche dal punto di vista emozionale. Avevo la sensazione che erano preparati dal punto di vista emozionale, la risposta è stata molto positiva e questo mi piace. Abbiamo avuto maturità”.

Roma più equilibrata nel secondo tempo quando era più offensiva. Cosa non ha funzionato nel primo?
“Per qualche ragione a me piace sentire qualche volta gente che è stata dentro il campo. Di Biagio diceva chiaramente “quando perdi palla nella prima fase non c’è tattica”. Quando perdi palla dopo due passaggi non c’è tattica. Non esiste, esistono capacità tecniche ed emozionali nella gestione. Quando dicevo che la partita di oggi non era collegata con quelle scorse qui: bugia. Hanno pensato tutti lo stesso, i giocatori lo sentono. Però bene: io direi migliore in campo l’arbitro perché ha fatto bene 90 minuti, dopo la Juve che ha fatto bene per 55, poi noi che l’abbiamo fatto per 35 che siamo stati fortunati e per poco non vincevamo la partita”.

Come ha visto Dybala?
“Lui fa sempre la differenza. La gente pensa che lui la fa bene quando segna o fa un assist. Lui l’ha fatta, è un punto di riferimento per la squadra. Ho già visto Abraham nell’intervista, sembra che abbia fatto una grande partita ma è stato orribile. Dybala ha giocato bene, Cristante ha fatto una grande lavoro per lasciare una zona più centrale a Paulo. Bastava che mettessimo piede in area nel secondo tempo e si sentiva la sensazione di paura dello stadio”.

Quanti ne deve cambiare martedì?
“La prima domanda è perché noi giochiamo sabato e poi martedì mentre il Monza venerdì e poi martedì? Ci sono giocatori che non possiamo cambiare. Hai visto anche la panchina, c’erano grandi limitazioni. Manca Zaniolo, manca un attaccante che penso arriverà domani o dopodomani. Manca un centrocampista che sostituisca Gini. Mancano tre giocatori. Oggi abbiamo cambiato i terzini e siamo migliorati. Celik e Zalewski sono entrati bene, lì stiamo bene. Stavamo bene a centrocampo prima dell’infortunio di Gini, andiamo piano piano. Matic sta bene, magari crampi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa