Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

Guidi: “Abbiamo dominato, è mancato solo il risultato. Siamo sulla buona strada”

L’intervista al mister della Primavera giallorossa dopo il pareggio casalingo contro il Torino

Quest’oggi la Primavera della Roma è stata fermata sull’ 1-1 dal Torino. Nonostante la grande mole di gioco e le molte occasioni, i ragazzi di Guidi non sono riusciti a centrare i 3 punti. Il tecnico, tuttavia, sembra soddisfatto della prestazione dei suoi e del percorso di crescita intrapreso. Ecco le sue parole riprese dal sito ufficiale del club:

Questa partita lascia molti rimpianti.

“Peccato, perché alla prestazione dei ragazzi oggi è mancato solo il risultato. Abbiamo dominato in lungo e in largo, li abbiamo schiacciati nell’area di rigore. Abbiamo creato tantissimo, perché anche nel primo tempo siamo andati sotto ma abbiamo avuto due occasioni clamorosissime.

Peccato, perché abbiamo fallito delle occasioni sulle quali dobbiamo migliorare, perché per la mole di gioco che creiamo, stiamo finalizzando poco come percentuale, e lì ci metteremo sotto a lavorare per crescere e migliorare”.

Cosa è mancato?

“Dal punto di vista caratteriale, la squadra in campo era veramente forte, perché non faceva mai ripartire gli avversari, dominava la palla con grande lucidità e grande qualità tecnica. Secondo me lì siamo stati troppo frenetici nell’andare a chiudere perché non c’era più nemmeno il portiere. Bastava solo spingere la palla.

A vote, l’eccessiva frenesia ti fa sbagliare. Come dico spesso ai ragazzi, la fretta è una cattiva consigliera. Nell’emotività della gara, dobbiamo riuscire a mantenere la tranquillità e a essere freddi nel leggere le situazioni di gioco”.

Come siamo al livello di crescita? È soddisfatto del percorso fatto finora?

“Sono soddisfatto, la squadra sta mettendo in campo le idee sulle quali lavoriamo quotidianamente a Trigoria. Penso che questa squadra abbia dei margini di miglioramento tali che nemmeno i giocatori sanno dove possono arrivare.

Credo fermamente che, per farli migliorare e crescere, e farli proiettare nel calcio degli adulti, più hai la palla e più migliori tecnicamente. Più giochi dominando l’avversario, toccando più volte la palla e più ti senti protagonista e determinato. Quindi, secondo me, accorci lo scalino che dobbiamo salire, che ci distanzia dalla Prima Squadra. Siamo sulla buona strada. C’è tanto da lavorare, ma abbiamo grandi margini di miglioramento”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera