Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mourinho: “Meglio perdere una gara 4-0 che quattro gare 1-0. Guardiamo alla prossima partita”

Le parole del tecnico giallorosso nel post-partita

José Mourinho dopo la sconfitta contro l’Udinese ha parlato ai microfoni di Dazn. Di seguito le sue dichiarazioni.

Sulla sconfitta

“La mia spiegazione… È stata una partita difficile, l’Udinese sa giocare questo tipo di partite. Non puoi giocare dietro, escono in contropiede, sanno gestire i tempi di gioco, i falli, sono gente molto fisica ed esperta. Se perdi i duelli sei già in difficoltà, eravamo entrati bene in campo con Dybala, miglior giocatore in campo. Ogni volta che attaccavano in contropiede, non abbiamo fatto bene poi abbiamo preso un palo e un possibile rigore per noi. Quando si perde 4-0 non si parla d’arbitro, preferisco perdere una partita per 4-0 che quattro partite per 1-0. È dura per noi e per i tifosi, però domani c’è un altro allenamento e giovedì un’altra partita. Andiamo avanti”.

Non avete qualità per ribaltare queste partite?
“Dipende contro chi squadra giochi, avremmo potuto fare 1-1 o 2-1 ma non ci siamo riusciti. Abbiamo preso gol per errori individuali, però per me sono errori collettivi. Abbiamo sbagliato in momenti importanti della partita, l’Udinese cerca di fare tutto ed è stata dura. Andiamo avanti, abbiamo 10 punti e siamo tutti lì, facciamo la nostra strada”

Perché temeva questa partita?
“Devo andare via, i giocatori hanno bisogno di me. Ho detto ai giocatori quello che ho detto a voi, cioè meglio perdere una volta 4-0 che quattro volte 1-0. Dobbiamo pensare a giovedì, quando si perde 4-0 non si parla dell’arbitro, però abbiamo saputo che era Maresca non c’è stato feeling, ha un profilo perfetto per una squadra che gioca in casa. Il primo giallo è andato all’artista della partita, però la responsabilità della sconfitta è mia”.

Sensazioni negative in settimana?
“Avevo delle sensazioni, anche l’anno scorso abbiamo sofferto qui, abbiamo giocato poco tempo con tante interruzioni. I ragazzini qui sono perfetti, mi piacerebbe avere questi raccattapalle nel mio stadio. Hanno fatto la loro partita, sono stati uguali a quello che sono loro, faccio i complimenti. Li aspettiamo al ritorno a Roma”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra