Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fuori un altro: Mourinho perde anche Zalewski

Altro stop muscolare: è il terzo dopo Kumbulla ed El Shaarawy

Un guaio tira l’altro. La Roma è tornata dalla Bulgaria senza punti e con un giocatore in meno: si ferma anche Nicola Zalewski, bloccato da un problema al flessore sinistro dopo aver giocato tutta la partita. I primi esami hanno scongiurato un infortunio grave, potrebbe trattarsi di un affaticamento, ma solo i prossimi accertamenti stabiliranno i tempi di recupero.

Intanto lunedì a Empoli l’esterno polacco non ci sarà, l’ipotesi peggiore è che torni dopo la sosta, a inizio ottobre. Il campo del Ludogorets, in condizioni inaccettabili, ha avuto un ruolo in questo nuovo stop, il terzo di natura muscolare per la Roma da inizio stagione dopo le lesioni subite da Kumbulla ed El Shaarawy nella gara con il Monza.

Un trend allarmante se si considera che si sono giocate appena sei partite ufficiali: la media è di un infortunio muscolare ogni due gare. Ed è già molto più alta della scorsa stagione, quando in avvio solo Smalling – giocatore dai muscoli sempre a rischio – si era fermato. La Roma non è certo l’unica squadra che deve fare i conti con un’infermeria affollata in un’annata di impegni ancor più compressi per via del Mondiale invernale. Ci si allena troppo poco, si gioca tanto e si è dovuti partire prima. Ecco i risultati. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa