Resta in contatto

Rassegna Stampa

Zaniolo punta l’Empoli e il rinnovo

Il futuro di Nicolò tra campo e contratto

Se da una parte Zalewski è a forte rischio a causa di un affaticamento muscolare rimediato nella partita con il Ludogorets (oggi altri esami per capire se c’è lesione), dall’altra Zaniolo sta provando il recupero last minute per Empoli. Mourinho lo ha ammesso: “Ci manca Nicolò”. La spalla ormai non fa più male e il tutore è sparito da qualche giorno, al contempo il lavoro aerobico non si è mai fermato, per non fargli perdere la brillantezza fisica con la quale si era presentato ai nastri di partenza. Zaniolo proverà domani a strappare una convocazione per la sfida di Empoli, anche se il lavoro svolto a Trigoria continua ad essere di natura individuale. Qualora dovesse dare forfait, rivolgerà le sue attenzioni alla sfida di Europa League con l’Helsinki, per farsi trovare pronto per la gara con l’Atalanta.

Il campo, sì, ma con vista sul futuro. Sono giorni importanti per definire la struttura del contratto che consoliderà il suo rapporto con la Roma. Il flirt estivo con il bianconero fa già parte dell’album dei ricordi, sul domani non ci sono più dubbi: si tingerà di giallorosso. In avvicinamento alla sfida con l’Atalanta è previsto un nuovo incontro tra il gm giallorosso Tiago Pinto e l’agente del calciatore, Claudio Vigorelli. L’entourage chiede un ingaggio da top player, la Roma parte da una base di 3,5 più bonus a salire, con una scadenza prolungata fino al 2027. Come accade nelle trattative, l’accordo può trovarsi a metà strada. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa