Resta in contatto

Rassegna Stampa

Domani giorno dell’uscita dalla Borsa. Al via il “programma fedeltà” in stile NBA

Restare in Piazza Affari presentava svantaggi.  Adesso alcuni fortunati potranno andare a cena con i Friedkin e Mourinho

Domani per la Roma si chiude un’era: quella della quotazione in Borsa. Era cominciata il 23 maggio 2000 e si concluderà il 14 settembre 2022, grazie al fatto che la nuova proprietà ha deciso che restare in Piazza Affari presentava più svantaggi che opportunità.

Per compiere questo passo importante per la società, comunque, la famiglia Friedkin ha dovuto investire circa 38 milioni, quelli che sono serviti per rastrellare i titoli dei piccoli azionisti. Per convincerli, infatti, è stato messo in piedi un “programma fedeltà” che ha offerto a tutti delle opportunità di vicinanza alla squadra che non hanno quasi similitudini nel calcio europeo. Se vogliamo, si tratta di una operazione in stile NBA, che consentirà ad alcuni fortunati persino di andare a cena con José Mourinho e gli stessi Friedkin.

L’uscita dalla Borsa, oltre a consentire una maggiore snellezza e rapidità in tutte le operazioni interne, che non dovranno passare al vaglio della Consob, secondo la dirigenza permetterà anche di risparmiare qualcosa come 7 milioni a stagione. Ma non è solo l’impatto economico ad avere convinto i nuovi vertici, visto che l’intera operazione è in linea con un trend complessivo che si sta registrando anche in altri ambiti.

Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa