Resta in contatto

Rassegna Stampa

Bove avanza e cresce: è l’alternativa affidabile

Il giovane centrocampista cerca sempre più spazio

L’altro ieri sera ha messo altri 9 minuti (più recupero) nell’esperienza che sta accumulando per crescere con la maglia della Roma addosso. E per poco non ha chiuso la partita timbrando per la seconda volta in Serie A a sette mesi di distanza dalla rete segnata all’Olimpico contro il Verona, quello che rimise in equilibrio una partita complicata per i giallorossi. Stavolta Vicario con il piede ha negato a quella palla di passare: forse lui, Edoardo Bove, avrebbe potuto strozzarla un po’ di più sul palo alla sinistra del portiere dell’Empoli, aveva lo spazio per farlo, ma il tempo è stato come una frustrata perché il pallone arrivata veloce e quella di anticiparlo è stata una scelta giusta per provare a sorprendere il dirimpettaio. Il ragazzo dell’Appio-Latino cresce e si vede. Mourinho lo stima e questo sarà il campionato per cominciare ad avere conferme sul campo anche della considerazione che arriva dal tecnico portoghese.

È rimasto per aumentare il minutaggio, per entrare nella fase due del percorso di crescita che nella Roma resta un valore irrinunciabile per dna del club. Su Bove Mourinho va cauto più cauto rispetto a Zalewski, in mezzo al campo si rischia maggiormente e se sbagli paghi doppio. Più una forma di tutela del ragazzo che per sé e la Roma. Che proprio in mezzo al campo non ha ancora trovato le soluzioni spazio-temporali efficaci, tra l’altro. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa