Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tra Mourinho e Zaniolo ora c’è sintonia. E con l’Helsinki l’atteso ritorno

Un feeling ritrovato in estate e che ora può sbocciare in campo

Un animale. Già, José Mourinho l’ha definito proprio così, senza mezzi termini. Ma nel senso buono del termine, ovviamente, per sottolineare quanta voglia e quanto sudore ci abbia messo per tornare a disposizione prima del previsto. “Nicolò va solo ringraziato, per essere qui con noi ha lavorato come un animale”, appunto. È la frase esatta espressa ad Empoli dello Special One. Quasi a rimarcare il feeling attuale che si è cristallizzato negli ultimi tempi tra lui e Zaniolo. Che domani potrebbe tornare anche in campo, non solo in panchina, per ridare il suo contributo alla causa.

Domani, quasi un mese e 5 partite dopo, l’attaccante romanista è pronto a riparte da dove si era fermato. Per riprendersi un po’ di quella scena perduta, che però Mourinho gli ha riconosciuto sia nel momento di difficoltà, sia in quello della gioia. “Nicolò ci manca, in campo ci servono la sua intensità e i suoi strappi”, le parole dopo il doppio scivolone tra Udinese e Ludogorets. A cui ha poi aggiunto “abbiamo un solo Zaniolo“, ripetuto domenica sera, subito dopo la vittoria colta ad Empoli. Insomma, se qualcuno aveva ancora dei dubbi, adesso è acclarato: per Mourinho Zaniolo è di fatto uno di quei giocatori insostituibili. E adesso che Nicolò ha cambiato pure atteggiamenti e predisposizione, anche più di prima. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa