Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 16 settembre 2013: la Roma vince a Parma 1-3. Primo gol di Strootman in giallorosso

Al gol di Biabiany rispondono Florenzi, Totti e Strootman


Il 16 settembre del 2013 la Roma batteva per 1-3 il Parma nella trasferta allo stadio Ennio Tardini. Gli uomini di Garcia, dopo il successo contro Livorno e Verona, cercano la terza vittoria consecutiva per rimanere attaccata al primo posto con il Napoli. I padroni di casa, dal canto loro, cercano il primo successo stagionale, cosa che non renderà facile l’incontro. Infatti, al 39′, il Parma passa in vantaggio grazie al gol di Biabiany. Il primo tempo si conclude con il vantaggio dei gialloblu, che però non dura neanche due minuti dopo il fischio d’inizio della ripresa.

Al 47′ Pjanic serve Florenzi in area: il 24 lascia rimbalzare il pallone e scarica un destro potentissimo a fil di palo, dove Mirante non può arrivare. Parità, il primo step è raggiunto, ora tocca mettere la freccia. La possibilità del recupero della partita arriva al 70′: Strootman alza un pallonetto perfetto per Totti, che tutto solo in area, si ferma non capendo se in fuorigioco o meno. La freddezza del capitano però è tale da non vietarli, in un millesimo di secondo, di capire di essere in gioco, riprendere in mano la situazione, e mettere a segno il gol del vantaggio giallorosso.

A completare la rimonta c’è anche la prima firma di Strootman con la maglia della Roma: all’85′ Gervinho viene atterrato in area da Cassani, Guida giudica l’intervento irregolare e fischia il calcio di rigore. Dal dischetto va proprio il numero 6, che insacca in porta la rete del definitivo 1-3.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord