Resta in contatto

Rassegna Stampa

Fenomeno Dybala: solo Batistuta meglio di lui nelle prime 8 giornate

Un inizio da sogno per Dybala

Sussurri e grida. Allusioni e timori. Per questo ci sono notti in cui ci si sveglia e non si riesce a prendere più sonno perché ci si chiede: “Avrò preso la decisione più giusta?”. Vale per il calcio così come per le storie d’amore, ambiti che a volte possono anche finire per coincidere. Ecco, alla Roma adesso possono dormire sonni tranquilli. Se l’arrivo di Paulo Dybala da svincolato già al momento della firma del contratto aveva le stimmate dell’affare, adesso la santificazione può dirsi cominciata.

Le qualità tecniche del giocatore, naturalmente, nessuno le aveva mai messe in discussione, ma è inutile nascondere come l’attaccante argentino avesse un percorso “storico” di infortuni che facevano temere una navigazione stagionale piena di “stop and go”. Proprio le garanzie che stanno arrivando su queste fronte per la Joya, perciò, sembrano essere il seguito ideale alla storia cominciata dai diecimila che all’Eur, a fine agosto, lo hanno accolto come l’ultimo imperatore di una città orfana di una stella calcistica dal giorno dell’addio di capitan Totti. Messa in ghiacciaia per il momento tutta la Grande Paura relativa agli infortuni, per l’argentino non resta che il dato puramente tecnico, e in questo senso basti pensare che degli attaccanti della Roma al loro primo anno, mettendo insieme gol segnati e assist forniti, solo Gabriel Batistuta ha avuto un impatto superiore in maglia giallorossa. In otto partite disputate (e neppure tutte per intero), la Joyainfatti ha realizzato quattro gol e fornito due assist. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa