Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala riposa e non rischia: Mourinho lo aspetta

La Joya l’osservato speciale in nazionale

Dalla tribuna dello Stadio Olimpico di Roma a quella del Sun Life Stadium di Miami, Paulo Dybala continua a gestirsi. Dopo aver saltato la gara contro l’Atalanta a causa di un affaticamento al flessore, l’attaccante è stato risparmiato anche dal ct argentino Scaloni nell’amichevole giocata venerdì sera negli Usa e vinta dall’Albiceleste 3-0 contro l’Honduras.

Dybala ha applaudito il gol di Lautaro Martinez – prossimo avversario con la Roma a San Siro – e la doppietta di Messi dagli spalti. “Ho deciso di non rischiarlo – ha spiegato Scaloni – viene da un buon periodo e penso che per la prossima partita sarà disponibile“.

Una scelta accolta con grande sollievo dalla Roma e da Mourinho, che ora sperano vada tutto bene anche martedì, quando l’Argentina sfiderà a New York la Giamaica e La Joya spera di giocare qualche minuto per prenotare definitivamente un posto ai Mondiali. A cui tiene tantissimo.

Con la Juve ha vinto di tutto, in nazionale si è dovuto accontentare di un terzo posto alla Coppa America 2019. E ha saltato quella successiva, giocata nel 2021 e conquistata dall’Argentina, per i troppi infortuni che hanno frenato la sua crescita esponenziale. Nella stagione scorsa Dybala ha dato forfait in 13 partite su 52 (il 25% circa) disputate dalla Juventus, giocando una media di 67 minuti a match.

Quest’anno le premesse per Paulo sono tutt’altre. È salito a 75 minuti di media in ogni partita con la Roma e ha saltato solo l’Atalanta, giocando tutte le altre 8 sfide ufficiali. Mourinho se lo gode e lo gestisce al tempo stesso. Lo ha tenuto in campo per l’intera gara solo a Udine e in Bulgaria, con la Roma sotto nel punteggio, lo ha sostituito cinque volte e gli ha risparmiato il primo tempo con l’Helsinki. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa