Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho ha una Roma slim fit

L’oculata gestione dei cambi dello Special One

La differenza tra la teoria e la pratica, tra la carta e il campo, è negli usi e costumi di un allenatore: la Roma ha investito su un gruppo di svincolati di lusso per migliorare la rosa, aggiungendo gente di livello come Dybala, Matic, Wijnaldum e Belotti.

Ma per un motivo o per un altro, José Mourinho non ha cambiato le sue abitudini: nelle prime sette giornate di campionato ha scelto solo 15 giocatori diversi nella formazione titolare. E uno di loro, Kumbulla, si è infortunato dopo pochi minuti di gioco contro il Monza.

Dopo la sosta forse le cose cambieranno. La squadra cioè potrà svelare nuove risorse, dallo stesso Belotti al guineano Camara passando per El Shaarawy, per non parlare di Wijnaldum che sarà disponibile da gennaio. Ma per il momento la Roma è la squadra più immutabile del campionato.

Mourinho precede di una lunghezza Giampaolo della Sampdoria nella ricerca di una stabilità generale. Forse la virtù come sempre sta nel mezzo: le due capofila, Atalanta e Napoli, hanno rispettivamente ruotato 19 e 18 elementi della rosa. Un compromesso funzionale.

Nella Roma fino a questo punto del campionato soltanto due calciatori hanno giocato ogni minuto: Rui Patricio, il portiere, e Ibañez, fresco di prima convocazione nella nazionale brasiliana. Gli altri sempre titolari sono invece stati Pellegrini, Cristante, Mancini e Abraham.

Mourinho ha già spiegato le sue ragioni. Non ritiene, soprattutto in alcuni ruoli, di poter garantire lo stesso livello di performance sostituendo un calciatore con un altro. È un sistema gestionale che un po’ sorprende, dopo le mosse di mercato estive. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa