Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dybala: gol, assist e leadership. L’argentino prepara un’altra notte di Joya

Dybala prepara un’altra notte da protagonista all’Olimpico

L’investitura che José Mourinho ha riservato a Paulo Dybala è qualcosa che va oltre la leadership dell’argentino in campo. Il suo impatto positivo è filtrato dal terreno di gioco allo spogliatoio, tanto da fare sembrare il suo arrivo alla Roma ormai lontano nel tempo. Che poi stasera giochi contro il Betis Siviglia, in una gara che ha il sapore di uno spareggio anticipato per la vittoria del girone, ne è solo una diretta conseguenza. “L’inserimento di Paulo è stato naturale – ha detto l’allenatore portoghese -. È naturale aver voluto in giallorosso un giocatore come lui. È fondamentale che non abbia sentito il peso di venire qui ed essere un giocatore importante. È tutto naturale, sembra che sia qui da anni e questa naturalità è sinonimo di qualità. Lui è un ragazzo dello stesso livello del giocatore che è“.

Non è un caso che Manuel Pellegrini, allenatore del Betis Siviglia, abbia fatto un sillogismo che – utilizzando proprio l’arrivo di Dybala in giallorosso – spieghi le ambizioni della Roma dei Friedkin. “Si sta preparando a un salto di qualità definitivo – ha spiegato -. Mi sembra che l’obiettivo sia chiaro se acquistano grandi giocatori come l’attaccante argentino“. Ormai è chiaro per tutti che c’è una Roma con Dybala e una senza. Se non bastassero le parole, a raccontarlo ci sono i 5 gol stagionali che finora l’argentino ha portato a casa. Tutti non banali, a cominciare da quello contro l’Hjk Helsinki proprio in Europa League. Lo Special One stasera chiederà gli straordinari alla Joya, pensando magari di farlo riposare domenica prossima in campionato contro il Lecce. La gestione di Paulo Dybala, d’altronde, corre davvero il rischio di indirizzare tutta la stagione della Roma, e su ogni fronte. Fatto salvo tutto quello che potrà succedere in vista del Mondiale, è logico che tutto lo staff giallorosso cercherà di evitare in tutti i modi che Paulo ricada nei problemi muscolari degli anni juventini. Ma stasera contro il Betis Siviglia è vietato sbagliare. Ed è per questo che la Roma ha bisogno davvero di un carico di Joya. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa