Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho punta a superare Ferguson: “In campo 11 più 60mila”

Mourinho e il record di Ferguson: per batterlo punta sull’effetto Olimpico

“Io mi fido dei miei undici, dei miei in panchina e tanto dei nostri 60mila tifosi”. Josè Mourinho ha presentato così la delicata sfida di Europa League contro il Betis, in programma questa sera alle 21 in un Olimpico come sempre stracolmo. Lo Special One chiama a raccolta i tifosi (“Spero giochino come fatto con il Bodø o con il Leicester”) e si affida alla Roma migliore per battere gli spagnoli. A guidare i compagni ancora una volta Dybala: “Paulo sta bene e gioca, sembra che sia qui da anni”. Chi non sarà invece della partita, è Lorenzo Pellegrini: il capitano giallorosso ha alzato bandiera bianca, l’obiettivo ora è tornare in campo domenica contro il Lecce. Serata particolare per Mourinho che, battendo il Betis, toccherebbe quota 107 vittorie nelle coppe europee, superando una leggenda come Alex Ferguson: “L’unica cosa che mi interessa è vincere sempre la prossima”.

Confortante lo score dello Special One quando affronta il Betis tra le mura amiche: tra Chelsea e Real Madrid tre vittorie su tre gare disputate. Ad attenderlo il vecchio “nemico” Manuel Pellegrini. Che non sarà Guardiola, il tecnico che Mou ha sfidato più volte in carriera (ben 25), ma con 15 confronti è tra i colleghi più affrontati dal portoghese. I precedenti sono positivi, con 8 vittorie, 4 sconfitte e 3 pareggi. Mourinho spera di ripetersi, lanciando Belotti e Zalewski dal primo minuto e confermando Smalling nel cuore della difesa (“Strano che non sia in nazionale”). Tra record personali e vecchie conoscenze, ci sono tutti gli ingredienti per una notte Special. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa